Grazie alla L.R. F.V.G. n. 12 del 21 ottobre 2011 e L.R. n. 22 del 9 giugno 2017 è possibile disperdere le ceneri anche al di fuori delle aree cimiteriali, ovvero:

  • nei boschi e prati ad una distanza minima di 200 metri dalle abitazioni o in aree private, previo il consenso del proprietario (scarica modulo);
  • nei laghi ad una distanza minima di 100 metri dalla riva o nei fiumi nei tratti liberi da natanti e manufatti;
  • in mare a mezzo miglio (oltre 500 metri) dalla costa; 

E’ vietata la dispersione delle ceneri in centri urbani, in aria o nelle riserve naturali.

Le ceneri vanno disperse dalla persona incaricata in vita dal defunto. In assenza di tale indicazione provvede un famigliare o altra persona individuata dagli artt. 74, 75, 76, 77 del Codice Civile.

La dispersione delle ceneri è diventata una richiesta in costante crescita.

Proprio per questo motivo, la nostra impresa ha voluto offrire ai propri clienti

la scelta di una vasta gamma di urne biodegradabili e idrosolubili certificate,

per garantire anche una particolare attenzione per l’ambiente.

Per chi lo desiderasse inoltre offriamo la possibilità di usufruire della nostra

imbarcazione con autista per la dispersione delle ceneri in mare,

con la possibilità di trasportare fino ad un massimo di 10 persone.

Come richiedere l’autorizzazione alla dispersione delle ceneri in natura?

  • La persona, in vita, può depositare presso il proprio Comune di residenza in maniera completamente gratuita la sua volontà alla cremazione e dispersione delle ceneri, indicando la persona incaricata ed il luogo della dispersione. Copia di quanto depositato dovrà essere conservata dalla persona, la quale potrà modificare presso il Comune di residenza, anche in un secondo momento, le sue disposizioni.

  • Nel caso il decesso fosse già avvenuto, si procede alla pubblicazione post-mortemdel testamento notarile, di cui originale o la copia autenticata dovrà essere presentata all’Ufficiale di Stato Civile per il rilascio dell’autorizzazione.

  • In assenza di testamento olografo autenticato o notarile, la domanda può essere sottoscritta presso i nostri uffici dal coniuge e dal/i parente/i di primo grado.